Ramon Remondi

Ramon Remondi

Nato nel 1980 in provincia di Bergamo, Ramon Remondi già all’ età di 11 anni comincia ad innamorarsi della pesca alla trota in fiume dove inizia le sue prime gare accompagnato dallo zio che con molta pazienza e amore gli trasmette subito questa passione in tutte le sue forme e dimensioni.

Qualche anno dopo ha la possibilità di provare anche la tecnica della pesca all’inglese svolta sul lago di Iseo dove l’obbiettivo principale era la cattura del cavedano, di conseguenza il necessario utilizzo di lenze leggere accompagnate da monofili sottili .

Tra il 1996 e il 1997 i primi articoli letti e vhs dedicati alla pesca della carpa gli fanno accendere una voglia irrefrenabile di provare a scoprire qualcosa in più su questa meravigliosa disciplina e in seguito a qualche risparmio grazie ad alcuni lavoretti estivi, decide di acquistare il primo picchetto con relativo segnalatore .

Le sue prime sessioni si svolgono in una cava nei pressi di Bergamo e nonostante la misera attrezzatura i risultati non tardano ad arrivare e giorno dopo giorno questa passione diventa qualcosa di più fino a spingerlo a provare finalmente a sfidare le acque libere soprattutto nel lago vicino a casa: Endine.

Trascorsi ormai circa 20 anni, il suo luogo di pesca preferito continua ad essere il lago di Endine dove trascorre praticamente tutti i week end esclusi quelli invernali causa ghiaccio , ma che però gli permettono di affrontare alcuni fiumi quali il Mincio e in altre occasioni il Po.

Nei periodi freddi non manca di gettare le sue lenze anche in alcune cave del Nord Italia dove ottiene alcuni risultati anche importanti .

Il suo amore verso queste meravigliose creature e la vera passione per questa disciplina del carp fishing hanno realizzato di certo il suo sogno, quello di far parte di questa stupenda famiglia e collaborare con il suo preferito ed indiscusso miglior pescatore: NASH.